Palermo è MOLTO più sicura di Oslo

Un paio di giorni fa, il noto negozio Giglio Accessori è stato rapinato da due manigoldi. Il video della camera di sorveglianza è stato diffuso dal giornale online DiPalermo.it, che ha lanciato un appello per la rapida cattura dei due ladri.

Qui l’articolo.

Due questioni, una grave, l’altra sintomatica.

Primo, e grave. Diffondere il video con le facce di due ladri sa tanto di Far West, manca solo il proprietario del negozio che offre 3 cinture e 2 portachiavi come ricompensa per chi li riporterà “vivi o morti”. Tant’è che, tra i commenti, si legge: “scortichiamoli vivi!”, “a penzoloni a piazza politeama voglio vederli!”, in perfetta salsa spaghetti western e senza alcuna moderazione sul sito. Non saprei con certezza se diffondere dati personali raccolti con videocamere sia anche illegale (se dovessi scommettere, scommetterei che si), sicuramente è una pratica che mi offende come cittadino, oltre che inutile.

Secondo, e sintomatico. L’articolo invoca il “diritto alla sicurezza”, come se una rapina (anzi tre perché si riferisce ad altri furti presso il bar Massaro) fosse, di per sé, sintomatica di un venir meno di tale diritto. In una discussione su twitter seguita alla mia critica a questo articolo, parlavo di Palermo come città in cui il diritto alla sicurezza è ampiamente garantito. Le risposte sono state da tragedia, che dici, pazzo!, non siamo mica a Oslo, o Reykjavìk!!!

Volete una sorpresa, a Palermo si commettono molti meno reati che a Oslo o Reykjavìk.

Non ci credete? Allora abbiate la pazienza di guardare un po’ questi link:

Ok, riassumo. In Italia si commettono parecchi meno delitti che in Islanda o in Norvegia, e anche i tassi di vittimizzazione (che tengono conto dei possibili crimini non denunciati o scoperti) sono sensibilmente più bassi. Similmente, Roma è parecchio meno colpita delle due città nordiche. In tutta Italia, tutti i crimini diminuiscono sensibilmente e costantemente dal 1991 al 2010, l’unico dato che rimane superiore alle medie europee, fino al 2007, sono le rapine, anche quelle ormai discese al di sotto dei tassi europei. Palermo, in particolare, vede una diminuzione di tutte le categorie dei crimini negli ultimi 20 anni e, da 4-5 anni, è la più sicura tra le città medio-grandi (Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia). Più sicura di Roma, MOLTO più sicura di Oslo o Reykjiavìk. A tutti gli effetti, Palermo è una delle città Europee nelle quali il diritto alla sicurezza è più garantito, ovvero una delle città più sicure AL MONDO.

Che molti, troppi, pensino che la realtà sia ben altra, è sintomo dei disgustosi media che abbiamo, abbondantemente quelli che in Europa dedicano più spazio al crimine e all’immigrazione presentata come problema di ordine pubblico (da qualche parte ho una ricerca che lo prova, a richiesta mi metto a cercare in archivio).

 

 

PS. edit e precisazione. Tutti i confronti su cui si basano le affermazioni di cui sopra, sono fatti sul numero di crimini rapportato alla popolazione (i dati normalmente si usano su crimini/100.000 ab.).

Annunci

Informazioni su Simone Tulumello

Post-doc researcher in Planning and Geography at ULisboa, Institute of Social Sciences. Keen in cities, (Italian) politics, photography, electronic music, and food. Lover of cities, especially Palermo and Lisbon, in a complicated relationship with Memphis TN.
Questa voce è stata pubblicata in riflessioni ed idee e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Palermo è MOLTO più sicura di Oslo

  1. Antonio Lo Nardo ha detto:

    Finalmente un po’ di ragionevolezza.

  2. enrico seffer ha detto:

    Io appartengo alla categoria favorevole al GF Orwelliano, quindi non capisco dove sia il problema se la diffusione del video possa aiutare all’assicurare alla giustizia i colpevoli. Che poi qualcuno possa inserire dei commenti sul come torturare i colpevoli è del tutto marginale, fa parte di quella percentuale di genere umano con il cervello disinserito

    • Simone Tulumello ha detto:

      Il punto è che, stante il genere umano, il GF di Orwell non può assicurare giustizia ne sicurezza (e non esiste alcuna prova dell’utilità della videosorveglianza come deterrente al crimine). Semplicemente perché la sicurezza è una roba un po’ più complessa del semplice rapporto tra occasione/reato/deterrenza/pena: i paesi più sicuri al mondo, quelli occidentali, sono quelli che hanno assicurato il welfare, non sistemi di controllo più potenti (tant’è che gli US sono il paese meno sicuro di tutto il mondo occidentale). Il GF, se anche fosse auspicabile, è sostanzialmente inutile ai fini della sicurezza.

  3. Pingback: Palermo sicura su diPalermo.it « Simone Tulumello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...