Sulle primarie: Michael Braun e Emilio Carnevali

Avrei scritto sul risultato delle primarie, ma poi ho trovato questo articolo di Emilio Carnevali che dice quasi tutto quel che avrei voluto scrivere, e probabilmente meglio.

Cose come:

In realtà lo sguardo sulla dimensione europea della crisi ci fa capire quanto le categorie innovazione/conservazione siano inappropriate quando servono solo a valorizzare il “tasso di liberismo”, di deregolamentazione o di austerità contenuto in un insieme di ricette economiche. Ribaltando il punto di vista io credo che la classifica in termini di innovazione in queste primarie del centrosinistra fosse Vendola, Puppato, Bersani, Renzi/Tabacci, e non posso dunque che rallegrarmi, da “giovane elettore”, della vittoria di Bersani nel secondo turno.

[…]

Una cosa è certa: a trattare in Europa è meglio ci sia un socialista europeo molto moderato piuttosto che un brillante sindaco il cui “guru economico”, negli Stati Uniti, ha fatto l’endorsement per Mitt Romney.

Ci sono anche un paio di questioni ulteriori, sul significato delle primarie in se stesse che, però, ha ben chiarito Michael Braun:

Sicuramente queste primarie saranno ricordate, inoltre, come voto in cui è nato un candidato vero, uno che non si candida pro forma (sapendo che comunque ci sarà un governo Monti), ma che ha tutti i titoli per correre davvero, per diventare premier alla guida di un governo politico. Bersani gode ora di una fortissima legittimazione. Starà a lui non sprecare questa occasione.

Dal 2005 il centrosinistra e il Pd hanno vissuto diverse primarie, tutte caratterizzate da una partecipazione massiccia di milioni di persone. Ma alla fine rimanevano episodi isolati che ogni volta vedevano un partito che, appena chiuse le urne, si ritirava nel suo fortino relegando il confronto politico interno sostanzialmente a una contesa tra nomenclature in lotta tra di loro, escludendo iscritti ed elettori. Forse ora è questo il compito più importante per Bersani: evitare che questo errore si ripeta.

Buona lettura.

Annunci

Informazioni su Simone Tulumello

Post-doc researcher in Planning and Geography at ULisboa, Institute of Social Sciences. Keen in cities, (Italian) politics, photography, electronic music, and food. Lover of cities, especially Palermo and Lisbon, in a complicated relationship with Memphis TN.
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...