Fabrizio Pedone sul “sacco” di Palermo

Oggi vorrei segnalare, specificatamente a chi si occupa della storia e urbanistica di Palermo, ma più in generale a chi sia interessato a capire meglio quel che è successo a Palermo nelle ultime decadi, un recente articolo di Fabrizio Pedone pubblicato su inTrasformazione. Rivista di storia delle idee, accessibile liberamente qui.

Si tratta di un compendio esteso e accurato delle vicende storico-politiche recenti della città, con particolare attenzione alle fasi del “sacco” palermitano. Quel che, a mio parere, è più interessante è un approccio che “integra” la classica storia della devastazione del territorio palermitano come risultato della pura e semplice fame di terreni e denari dei politici mafiosi. Fabrizio sottolinea (e mostra) come il legame di questi con la borghesia cittadina e il supporto di larga parte delle classi popolari siano state centrali nel processo.

Mi sembra particolarmente attuale, il tema, sia nello specifico palermitano che nel quadro nazionale, nel quale le “colpe” dei “potenti” sono sempre più spesso usate come copertura mimetica per la “complicità” e ignavia di quelle che dovrebbero essere le classi civili e pensanti, ovvero quelle che dovrebbero proporre alternative.

Buona lettura!

Annunci

Informazioni su Simone Tulumello

Post-doc researcher in Planning and Geography at ULisboa, Institute of Social Sciences. Keen in cities, politics, photography and electronic music. Lover of cities, especially Palermo and Lisbon, in a complicated relationship with Memphis TN.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...