Smargiassi sul bacio rubato

Michele Smargiassi torna sul “bacio rubato” della manifestante NoTAV al poliziotto che ha fatto il giro d’Italia, divenuto per poche ore icona della pace possibile, fino a quando la manifestante ha sentito il bisogno di farsi intervistare per spiegare al mondo che, no, non di pace si trattava, ma di provocazione.

Le valutazioni del gesto le lascio volentieri a chi ha il problema di usare ogni scusa per delegittimare ogni protesta o, viceversa, a chi non vuole affrontare criticamente il tema delle forme della protesta – che so, quelli che non si indignano per l’assalto fascista alla sede del PD.

Qui si riprende, invece, la considerazione di Smargiassi, sulla capacità dell’immagine di raccontare qualcosa che non è necessariamente legata alla ragione che le sta dietro. Personalmente, ad immaginare l’imbarazzo della provocatrice nello scoprire che sta diventando immagine dell’opposto di quel che intendeva, non posso che sorridere.

Sorridere, si, perché in questi tempi difficili, nei quali ci raccontano che il conflitto è male, nei quali il gioco del potere è metter contro in un magma acritico poliziotti e ragazzotti – ugualmente vittime – la capacità di un’immagine di creare mediazione, da sola, riscalda il cuore.

Il mio, almeno.

Foto: Marco Bertorello / AFP

Foto: Marco Bertorello / AFP

Annunci

Informazioni su Simone Tulumello

Post-doc researcher in Planning and Geography at ULisboa, Institute of Social Sciences. Keen in cities, politics, photography and electronic music. Lover of cities, especially Palermo and Lisbon, in a complicated relationship with Memphis TN.
Questa voce è stata pubblicata in fotografia, mobilitazione e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...