Intanto, in Sicilia

Le carte girarono e primo ballerino fu Saro, ma con il teatro semivuoto e senza il sostegno della maggior parte del corpo di ballo. Chi pensava che Saro avrebbe ricevuto il sostegno di Raffaele fu, in parte, smentito, quando Saro chiamò a sé dal pubblico scienziati, cantautori, fuoricorso […].

Saro, intanto ballava come un matto, lanciandosi con i suoi nuovi compagni in esibizioni sempre più straordinarie, che comportavano torsioni nucleari, camerini da riorganizzare e acrobazie al limite dell’umano. In cerca del sostegno necessario da parte del corpo di ballo, Saro diceva di non ballare con nessuno e intanto provava con tutti. Finché i ruoli più ambiti furono di UDC, PDL e M5S (il più giovane e ambizioso che, ballando da solo, era riuscito a farsi accompagnare da MPA/PdS). PD si trovò con un ruolo secondario e accusò Saro di arpeggiare con MPA/PdS e M5S, mentre Saro gli rimproverava le recenti frequentazioni con PDL, mediate da UDC.

Citarsi è certamente poco elegante, ma a volte utile a seguire il corso, se non altro mentale, degli eventi. Era il dicembre del 2012 quando mi azzardavo, su Rosalio, a raccontare di una Sicilia ballerina con un primo ballerino e un corpo di ballo “inturciuniato”.

È passato un anno e un paio di mesi e il balletto, peraltro azzoppato di alcuni dei suoi più spettacolari protagonisti, continua sempre più stracco. Il primo ballerino, imperterrito, proclama ogni giorno nuovi numeri e contorsioni ma il corpo di ballo non lo segue più.

Per uscire di metafora: la formazione è stata (si?) ripulita, ma senza offrire alternative; le provincie sono state (si?) abolite, ma sostituite da loro stesse che non esistono alternative; la finanziaria è stata (si?) approvata ma fatta a pezzi dal commissario dello stato; i fondi europei languono nei cassetti.

In aula, le maggioranza oblique non si trovano più.

Intanto, la crisi sta letteralmente facendo a pezzi la Sicilia (molto più dell’Italia tutta).

Si riconosca che la rivoluzione ha fallito, che il suo fallimento viene quotidianamente pagato dai Siciliani.

Si metta fine a questo disastro.

Annunci

Informazioni su Simone Tulumello

Post-doc researcher in Planning and Geography at ULisboa, Institute of Social Sciences. Keen in cities, (Italian) politics, photography, electronic music, and food. Lover of cities, especially Palermo and Lisbon, in a complicated relationship with Memphis TN.
Questa voce è stata pubblicata in Sicilia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...