Jobs Act, controllo del lavoro e la natura neoliberista del governo Renzi

Avevo in passato scritto di un dettaglio del Jobs Act di cui non si parla molto, là fuori, ovvero il fatto che nella legge delega si fosse incaricato il governo di rivedere la normativa sul controllo a distanza dei lavoratori.

Trattandosi di legge delega, esistevano ancora dubbi su come si sarebbe concretizzata la suddetta revisione.

Alessandro Gilioli è adesso andato a rovistare nei decreti attuativi per verificare la conclusione della storia, che è molto semplice:

  • sistemi di controllo come le videocamere potranno adesso essere utilizzati per esigenze “operative e produttive”, ovvero per controllare la produttività individuale, in accordo con le organizzazioni sindacali;
  • i sistemi forniti al lavoratore per ragioni di lavoro (cellulare, computer e via dicendo), invece, possono essere utilizzati anche in assenza di accordo sindacale.

Benvenuti nel Grande Fratello del lavoro, insomma, parzialmente da concordare con i sindacati, parzialmente alla piena disposizione del datore di lavoro (nelle imprese che lavorano con pc, di fatto, qualsiasi lavoratore è controllabile senza alcuna mediazione sindacale, attraverso il monitoraggio delle attività del pc).

Se c’era qualche dubbio del fatto che questo governo e il suo presidente del consiglio sono pienamente, intrinsecamente imbevuti di una cultura neoliberista e di destra, eccolo spazzato via.

Benvenuti nel’Italia dove governa la destra anche quando la destra sta all’opposizione.

Annunci

Informazioni su Simone Tulumello

Post-doc researcher in Planning and Geography at ULisboa, Institute of Social Sciences. Keen in cities, politics, photography and electronic music. Lover of cities, especially Palermo and Lisbon, in a complicated relationship with Memphis TN.
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Jobs Act, controllo del lavoro e la natura neoliberista del governo Renzi

  1. Pingback: Parla Lorenzin (non Poletti) sulle morti bianche | Simone Tulumello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...